CHI uccide la creatività dei nostri figli?

“La creatività è la base per la capacità, una volta diventati adulti, di rispondere alle criticità, di analizzare l’esistente con la propria testa, di relazionarsi con gli altri, di apprendere e accogliere le novità”, scrive Venessa Niri su Wired. “Cosa uccide la creatività dei nostri si figli?”. Ecco la (bella) domanda che pone questo interessante articolo. La risposta che l’autrice propone mi piace, mi interroga e mi preoccupa. E questo, secondo me, è segno che si tratta di una bella domanda, una domanda che un genitore di questi tempi credo debba necessariamente porsi su più fronti. Io me la pongo, spesso, e condivido quello che Vanessa scrive nel suo articolo: Stiamo privando sempre più i bambini dell’opportunità di inventarsi da soli i propri giochi e le proprie avventure, gli impediamo di annoiarsi, di giocare senza la supervisione di un adulto, senza la sua protezione. Sono le nostre ansie, e la nostra percezione distorta dei pericoli, a rendere i nostri bambini sempre più piatti e sempre meno capaci di raccontarci quelle storie che, da adulti, non sappiamo più inventare. Lasciarli giocare da soli, rischiare che si sbuccino un ginocchio, che si annoino ululando ‘Non so cosa fare!’, regalare loro giochi più liberi e meno strutturati (più palloni, più pennarelli, meno videogiochi, meno televisione), accettare che sporchino la gonna o i jeans dipingendo con i colori a dita, è un grande, grandissimo investimento sul futuro”.

Si tratta di un argomento che mi sta molto a cuore e che già ho trattato raccontanti della bellissima lezione di Ken Robinson, anche lui se la prende con i ‘grandi’: “Tutti i bambini hanno enormi talenti e noi li sprechiamo, senza pietà. – afferma Robinson – La creatività è tanto importante nell’educazione che la dovremmo trattare al pari dell’alfabetizzazioneSe non sei preparato a sbagliare non ti verrà mai in mente qualcosa di originale. I bambini si buttano, non hanno paura di sbagliare. E quando diventano grandi la maggior parte di loro perde quelle capacità creative. Diventano terrorizzati di sbagliare. E noi gestiamo aziende in questo modo, stigmatizziamo errori. E abbiamo sistemi nazionali d’istruzione dove gli errori sono la cosa più grave da fare. E il risultato è che stiamo educando le persone escludendole dalla loro capacità creativa. Picasso disse che tutti i bambini nascono artisti. Il problema è rimanerlo anche da adulti. Non impariamo a diventare creativi, ma disimpariamo a esserlo. O, piuttosto, ci insegnano a non esserlo”.

Si tratta di un argomento connesso a molti altri. Il rapporto dei bambini con le nuove tecnologie, per esempio.

A questo proposito, in questi giorni, è partita un’iniziativa, promossa da AIB (Associazione Italiana Biblioteche), AIE (Associazione Italiana Editori), Filastrocche.it e Mamamò.it: si chiama #NatiDigitali. 

Obiettivo della ricerca è far luce sulle nuove modalità di lettura dei bambini – di età compresa tra 0 e 14 anni – nell’era digitale, indagando il punto di vista di mamme e papà (oltre che dei bibliotecari). Gli strumenti digitali hanno sicuramente modificato le nostre abitudini famigliari e ancor più i comportamenti dei bambini, non a caso definiti “nativi digitali”. Diventa interessante, dunque, scoprire quale rapporto abbiano i bambini di oggi con i libri cartacei e  digitali e quali siano le preferenze dei genitori: sono disposti a leggere con loro una storia su app o prediligono ancora la forma tradizionale stampata? Considerano gli ebook un pericolo o un’opportunità? Ecco il questionario on line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *