Le conversazioni copilillose. N°4: passato remoto

Ultimamente succede così. La Pisquana inizia ad ascoltare volentieri anche le favole più lunghe e complesse. Ovviamente riascolterebbe sempre la stessa in continuazione. Allora facciamo un po’ per ciascuno. Una volta leggo io e poi tocca a lei. Mentre io leggo lei mi chiede tutte le corrispondenze tra testo e immagini. Poi, quando è il suo turno, lei fa finta di leggere, un po’ ripetendo a memoria quello che ho letto io e un po’ andando a braccio interpretando i disegni, il tutto condito da un tono solenne che dà alla sua narrazione usando ripetutamente insoliti avverbi (i suoi preferiti sono gli avverbi di modo) e nuove coniugazioni verbali. Il passato remoto è il suo preferito.

Ecco il risultato (liberamente tratto da “Storia di primavera”, Le quattro stagioni di Boscodirovo e altre storie di Jill Barklem).

“Il Signor Basilio si svegliò allegramente plestro quella mattina.
Si mettò allegramente davanti al camino, cercò i suoi pantaloni e si vestò per uscire e andare all’Emporio Tronchetti.
Allegramente.”

***

E i vostri Pisquani cosa combinano con le coniugazioni, quali sono le loro preferite? C’è da divertirsi vero ad ascoltarli? Io mi riconcilio con l’esistenza quando la sento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *