A proposito di favole e di estate…

A proposito di favole e di estate, vi presento un progetto molto interessante e anche molto divertente. Si tratta di un concorso letterario on-line legato alla piattaforma THe iNCIPIT.

Cos’è THe iNCIPIT? Entrare nel cuore di un racconto e, sul più bello, intervenire sulla storia e modificare l’intreccio degli avvenimenti. Nasce tutto da qui, dal desiderio, forse a volte inconfessato, di ogni lettore di trasformarsi in autore o di diventare protagonista di un’avventura “letteraria”. È questo il cuore di THe iNCIPIT, la prima piattaforma italiana di racconti interattivi online, che ospita una sezione dedicata anche alle fiabe.

Come funziona? Leggi gli episodi, vota, commenta e cambia la storia insieme agli autori.
THe iNCIPIT è a metà tra gioco e narrativa. Narrativa perché c’è una storia che ha un inizio e una fine ed è gestita da un unico autore. Gioco perché la storia è interattiva e chiunque può partecipare. Una “palestra” per chi vuole mettersi alla prova come scrittore in un racconto a episodi, raccogliere da subito una risposta e un’interazione reale con il pubblico composto da altri scrittori, o “semplici” lettori, lasciando a loro il potere di decidere le sorti della storia. Ma anche sperimentare in un genere che non è il suo, oppure pubblicizzare un proprio libro già pubblicato con uno spin-off su THe iNCIPIT, o ancora iscriversi alla piattaforma per scoprire nuovi promettenti autori da seguire.
Oggi la piattaforma conta 700 storie pubblicate, sia in corso che concluse, 5.000 iscritti, oltre 56.000 commenti.

Il concorso in questione si chiama “Storie d’estate” ed è organizzato in collaborazione con la casa editrice Nativi Digitali Edizioni. Il tema, ovviamente, è l’estate.
Come partecipare?
– Iscriviti al sito THe iNCIPIT
– Inizia a scrivere la tua storia entro il 30 giugno, specificando che fa parte del concorso “Storie d’Estate”. La storia deve essere ambientata in estate e appartenere a uno dei dieci generi narrativi previsti da THe iNCIPIT.
– Scrivi il racconto e gioca con i tuoi lettori secondo le modalità di THe iNCIPIT: scegli la domanda e le tre possibili evoluzioni della trama, coinvolgi la community, sviluppa la storia sulla base delle decisioni dei lettori.
– Scrivi i 10 episodi e completa la tua storia interattiva per “Storie d’Estate” entro il 20 luglio 2014.
Qui il regolamento completo.

Cosa si vince? Il tuo racconto potrà essere pubblicato in un’antologia, oppure come opera unica in formato e-book con Nativi Digitali Edizioni, con regolare contratto di edizione.

nde-theincipit-storiedestate

Senza fate e senza maghi: a proposito di favole e di felicità.

“Si sa bene che la felicità è fatta anche di spavento e di angoscia.
Sopprimere lo spavento e l’angoscia, significa sopprimere anche la felicità”

***

Una meravigliosa Natalia Ginzburg che, nell’aprile del 1972, si oppone al manifesto pedagogico della collana «Tantibambini», edita da Einaudi dal 1972 al 1978 e diretta da Bruno Munari. Con acume e senso critico analizza il senso profondo delle favole, che è anche il senso profondo di tutta una letteratura.

“… Quello che detesto nella frase «senza fate e senza maghi, per una nuova generazione di individui senza inibizioni, senza sottomissioni, liberi e coscienti delle loro forze» è la retorica e l’ottimismo generazionale. Auguriamoci pure che le nuove generazioni siano costituite di individui liberi. Però non ne sappiamo proprio nulla. Inoltre non sappiamo affatto se sia un bene crescere senza inibizioni. Forse fra poco si scoprirà che le inibizioni, di cui l’uomo di oggi si fa gloria di essersi sbarazzato, le inibizioni e le lotte dei singoli per superarle o vivere con esse, erano il pane e il sale dello spirito”.

“… È un errore credere che la paura sia un male. La paura, è necessario soffrirla e imparare a sopportarla. Inoltre i lupi non mangiano le cipolle. Ora un lupo che mangia cipolle e scarpe vecchie, è lontano dal vero non meno che le streghe o le fate. Così vorrei sapere perché le streghe e le fate sono tenute al bando in questa collana, come superate e retrograde, e destinate ad antiche generazioni che si abbeveravano di fantasie e illusioni, e invece si lascia il passo a questo lupo che mangia le cipolle.”

foto 3

“Le fiabe italiane di Italo Calvino. È un libro stupendo. È pieno di fate, di maghi, di principi lussuosissimi e di castelli bellissimi. È pieno anche di contadini e di pescatori. Vi si respira l’aria libera della fantasia e insieme l’aria aspra e libera della realtà. Non contiene insegnamenti morali se non quelli inespressi che ci offre ogni giorno la nostra vita reale. Non contiene intenzioni pedagogiche di nessuna specie. È scritto in una prosa limpida, lineare e concreta, una prosa esemplare perché è così che si deve scrivere per i bambini, una prosa totalmente priva di parole superflue. Sfido chiunque a trovarvi una sola parola superflua. Sfido chiunque anche a trovarvi una sola parola leziosa. Calvino certo non aveva in testa nessuna idea educativa, ma in verità nulla è più educativo dello stile quando è chiaro, rapido e reale. Le Fiabe italiane sono delle vere fiabe, create generosamente per la gioia del prossimo, e così è necessario che siano le fiabe per i bambini, inventate e create unicamente per la felicità.

Le ragioni per cui oggi scrivere per i bambini è così difficile, sono infinite, ma una certo è che è nata in noi l’idea che ai bambini tutto può far male. La fantasia ci atterrisce perché è avventurosa, imprevedibile e forte. Noi ne abbiamo poca, e per giunta l’adoperiamo con mani parsimoniose e schifiltose. Quando si scrivono o si stampano libri per bambini, per prima cosa si sbarrano porte e finestre. No alle storie di dolore perché il dolore fa male. No alle storie di miseria perché sono patetiche. No alle lagrime. No alla commozione. No alla crudeltà. No ai cattivi, perché non bisogna che i bambini conoscano la cattiveria. No ai buoni perché la bontà è sentimentale. No al sangue perché fa impressione. No ai castelli lussuosissimi perché sono evasione. No alle fate perché non esistono. I bambini sono fragili e perciò li nutriremo con vivande lavate e disinfettate. Li educheremo alla concretezza, avendo però sterilizzato la concretezza, avendo isolato nella concretezza ciò che non manda né bagliori né lampi. Li nutriremo con sabbia, accuratamente filtrata e senza batteri. Li nutriremo col bicarbonato, col borotalco e con la carta assorbente”.

***

“Così è necessario che siano le fiabe per i bambini,
inventate e create unicamente per la felicità.
Una collana per l’infanzia dovrebbe essere
avventurosa e libera come un bosco”

***

foto-8